Giornata Internazionale della Danza 29 aprile 2021

Una giornata promossa dalla rete Dance Well per giocare e danzare insieme con il gioco da tavolo in versione social “Danzopoly”

Il 29 aprile la rete italiana Dance Well celebra la Giornata Internazionale della Danza, una giornata di festa che accomuna tutti i paesi del mondo, promossa dall’International Dance Council dell’UNESCO. L’idea è quella di portare la danza nella quotidianità e promuovere la cultura della danza come fonte di benessere psicofisico, accessibile a tutti.
Quest’ anno in particolare il filo conduttore sarà DANZOPOLY, il gioco da tavolo social che ti mette in movimento; una versione danzante del più classico Gioco dell’Oca, arricchito da imprevisti in stile Monopoly.
Il 29 aprile dalle 8 alle 21 sulla pagina facebook Dance Well, gli utenti potranno percorrere il tabellone di gioco e scoprire tutte le attività nascoste dietro a ciascuna delle 26 caselle, con un programma arricchito anche da dirette speciali.

IL PROGRAMMA
Si parte alle 8.30 del mattino, con una classe di danza in live streaming condotta dall’artistaSangeeta Isvaran dall’India; a seguire, alle 9.30, la prima delle tre dirette del laboratorio del coreografo Andrea Rampazzo F.A.Q. Lab (che torna in diretta alle 14 e alle 17), un laboratorio aperto alla comunità, in cui esplorare insieme come sia possibile rispondere a una serie di domande attraverso il corpo, con oggetti, colori, con gli spazi delle proprie case, inglobandoli a pieno titolo nella creazione coreografica.
Chiude le dirette streaming l’artista della danza Giulio de Leo, che dalla Casa della Cultura e Museo del Libro di Ruvo di Puglia, conduce una classe intitolata Corpo Mitico. In live streaming anche l’artista della danza Giacomo Citton, che incontra il pubblico in appuntamenti speciali, gli artistic blind dates, incontri one to one con l’artista, scanditi da domande in grado di attivare la conversazione e la voglia di danzare tra conosciuti, superarando la distanza dettata dallo spazio digitale.

I partner della rete italiana Dance Well arricchiranno la giornata con una serie di proposte condotte dai teacher, tra video narrativi e brevi proposte coreografiche. Da Roma, in collaborazione con l’associazione ParkinZone, la pratica di danza sarà ispirata al gioco di parole “S-Oggetto”, mentre dal Teatro Civico di Schio si danzerà il tema della “trasformazione”, oltre a riscoprire delle brevi pillole di danza pensate per essere condivise via whatsapp. Dalla Lavanderia a Vapore di Collegno, la pratica sarà ispirata a un classico della danza contemporanea firmato dalla coreografa Trisha Brown, Watermotor, mentre da Verona, con Arte3, l’ispirazione arriva dalle opere del Museo di Castelvecchio e da un dipinto di Kandinskij. Da Fondazione Palazzo Strozzi, infine, arriverà un video legato alla nuova installazione che decora la facciata del Museo di Palazzo Strozzi: La ferita dell’artista francese JR.

Ad ogni casella, una pratica, un incontro, una visione, ma anche alcuni dance film, con contributi internazionali, come i video da un minuto e i cortometraggi di danza realizzati in scenari mozzafiato della Lituania (come una danza sui ponti mobili del porto di Klaipėda) nell’ambito del progetto Dance Plus City, una collaborazione tra il Lithuanian Dance Information Center e la televisione nazionale lituana, che integrano il programma di Danzopoly grazie al sostegno dell’Istituto di Cultura Lituano. Mentre da Israele, la Yasmeen Godder Company propone un video dedicato all’empatia, ispirato all’esperienza di Practicing Empathy 2by2, una creazione a metà tra performance e dialogo danzato, per coppie di spettatori, presentato anche a Bassano durante BMotion Danza 2020.
Dall’Inghilterra, il video Empty Stage, un omaggio ai lavoratori del settore dello spettacolo dal vivo, realizzato dall’organizzazione Impermanence con i danzatori del Birmingham Royal Ballet, e con la partecipazione del direttore artistico della prestigiosa compagnia di balletto, Carlos Acosta, insieme al cantante Benjamin Scheuer. Dal mondo del balletto, anche il video del coreografo Massimiliano Volpini, che con la sua tipica ironia si chiede “che cos’è la danza?”.

Forte anche la presenza della Città di Bassano, con due nuovi film di Miss D – la danza in dialogo con le arti: il format di contenuti audiovisivi sviluppato dal CSC Casa della Danza di Bassano, che mette in dialogo il linguaggio della danza contemporanea con gli spazi e le opere dei Musei Civici bassanesi, per creare nuove forme di narrazione dei linguaggi artistici e attivare una risposta creativa negli spettatori.
I brevi video prodotti, ciascuno dedicato a un’opera o a una tematica affrontata dalle opere esposte, sono frutto di una collaborazione artistica tra danzatori, videomaker, curatori museali e dramaturg di danza: le competenze di ciascuno contribuiscono a creare diverse possibilità di interazione con i linguaggi artistici coinvolti.

INFO.
Per partecipare al progetto di Andrea Rampazzo e ai blind date con Giacomo Citton, è necessario iscriversi anticipatamente (dal sito di Operaestate, sezione news) info anche sui canali social di Dance Well.

Tutti i contenuti resteranno disponibili online anche dopo la conclusione della giornata, e saranno elencati nel regolamento di gioco: il pdf del tabellone di Danzopoly, infatti, sarà scaricabile gratuitamente dal sito http://www.operaestate.it, per continuare a sfidare amici e parenti al gioco della danza.