Martedì 30 gennaio il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Teatro Civico di Schio (VI) ha nominato il manager Filippo Fanton come Segretario Generale della Fondazione. Il dottore commercialista Pier Paolo Frigo, in carica per otto anni dal 24 aprile 2016, cede il passo al professionista di San Vito di Leguzzano.
«La collaborazione con il dott. Frigo è stata molto proficua e positiva per la Fondazione Teatro Civico – dichiara il Presidente Silvio Genito -. Il Consiglio di Amministrazione e tutta la struttura ringraziano per la professionalità del servizio prestato, dimostrazione anche di una grande passione per la cultura e dell’impegno per la tutela dello storico teatro storico cittadino».
La scelta è ricaduta sul dott. Filippo Fanton per la sua pluriennale esperienza nel controllo di gestione e nella finanza aziendale che potrà mettere a disposizione della Fondazione Teatro Civico, arrivata ormai a 30 anni di attività culturale e teatrale per la città di Schio. Il nuovo Segretario sarà in carica fino alla scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione di cui, oltre al Presidente, fanno parte: l’imprenditore Cesare Bevilacqua, l’avvocato Alessandro Gennaro Silvio Gori, l’architetto Antonella Rattin e la docente Milva Scortegagna. La nomina è stata favorevolmente accolta dai soci BVR Banca – Banche Venete Riunite Credito CooperativoDe Pretto Industrie srlMair Research spaVallortigara Servizi Ambientali spa e dal Comune di Schio, socio fondatore.
«L’esperienza di 8 anni come Segretario Generale si è rivelata interessante e impegnativa – dichiara il dott. Pier Paolo Frigo -. Abbiamo attraversato le difficoltà della pandemia e il terzo lotto di lavori per il restauro. Ricordo ancora con emozione l’apertura del Teatro Civico dopo il Covid19 e il grande entusiasmo dei cittadini. Ho anche avuto l’occasione di danzare sul palcoscenico grazie al progetto Dance Well. Il teatro è una realtà vivace, sempre in fermento, con tantissime attività. Ho conosciuto e apprezzato il personale della Fondazione che si prodiga con amore e cura al proprio lavoro. Anche dal punto di vista umano il gruppo di lavoro è molto accogliente e davvero sono stato a mio agio. Ho molto apprezzato la collaborazione con il Presidente Silvio Genito, il direttore artistico Federico Corona e con il Comune tutto. È stata una bellissima esperienza ma l’incarico è veramente impegnativo e sento che è il momento di passare il ruolo ad un altro motivato professionista del territorio».
Il nuovo Segretario Generale individuato dal Consiglio di Amministrazione, il dott. Filippo Fanton, nella sua professione ha sempre coniugato il lavoro autonomo e organizzato come libero professionista con l’esigenza di condividere in team gli obiettivi e i risultati da raggiungere. La sua carriera professionale si divide tra la consulenza aziendale orientata a fornire strumenti snelli di controllo economico e finanziario alle PMI e il ruolo di Manager aziendale con competenze in ambito economico/finanziario (CFO) a supporto dell’Alta Direzione per lo sviluppo del business. Nel corso della sua carriera ha lavorato in diversi settori industriali e collaborato con diverse imprese quali Eriplast spa, Tasci srl, Latterie Vicentine sca, Gruppo Delmac (oggi SCM), Sonus Faber spa e Lovato Gas. Attualmente è Group CFO della società TFM spa.
«Ho conosciuto il Teatro Civico per la prima volta nel 1993 mentre svolgevo il Servizio Civile alla casa di riposo “La Casa”. L’ascolto di opere e operette in gran parte portate in scena al Civico era fra le attività più apprezzate dagli ospiti – racconta il nuovo Segretario Generale Filippo Fanton -. Come spettatore frequento il Teatro Civico da molti anni, contento di trascorrere una serata piacevole con altre persone. Mi ritengo un appassionato che vuole provare emozioni diverse, semplici ma autentiche, a contatto con gli artisti e con il pubblico. Quando il Presidente mi ha proposto di partecipare alla Fondazione ho risposto con grande entusiasmo per la sincera stima che nutro nei suoi confronti e perché ho conosciuto un gruppo di lavoro giovane, competente e motivato, entusiasta del proprio lavoro, a cui vorrei portare un po’ della mia esperienza. Vorrei contribuire a un miglioramento continuo della squadra, entrando nelle dinamiche complesse del lavoro. Infine, ho accettato l’incarico anche per vivere il teatro in una maniera diversa ma comunque affascinante, non da spettatore seduto in poltrona bensì da attore (non da palcoscenico!)».

Informazioni per la stampa:
FONDAZIONE TEATRO CIVICO SCHIO
Santi Crispo – 3402166300
comunicazione@teatrocivicoschio.it